Val di Fassa Alberghi da canazei a Moena
Hotel Alberghi Appartamenti Residence
Val di Fassa - Dolomiti - Trentino
ITALIANO
ENGLISH
DEUTSCH
FassaWEB
Home Page
Catalogo
News
NewsLetter
Vademecum
Dove alloggiare
RICERCA RAPIDA



Ricerca alberghi e appartamenti avanzata
Richiesta informazioni
Visualizza disponibilità
Last minute
I paesi
Canazei
Campitello
Mazzin
Pozza di Fassa
Vigo di Fassa
Soraga
Moena
WebCam
Pozza di Fassa 1
Pozza di Fassa 2
Campitello di Fassa
Moena
Uno sguardo sulla Val di Fassa
Mappa interattiva
Meteo
Panorami 360° sferici
Panorami 360° cilindrici
Val di Fassa
Manifestazioni
Photo Gallery
Escursioni
Servizi
Cartoline virtuali
Directory
Pubblicità su FassaWEB
Visita anche
ItalWEBHotels
Monitoraggio siti
Links

Val di Fassa - Dolomiti - Trentino

Arte

Logo Val di Fassa

Val di Fassa  Estate  Inverno  Storia  Arte  Cultura  Enrosadira

La Val di Fassa vanta un'antica tradizione artistica che ha lasciato tracce evidenti in tutti i paesi della valle e che ha trovato la sua massima espressione nell'attività dei pittori-decoratori, nella pittura e nella scultura.

L'elemento dominante dell'espressione culturale del popolo ladino è la forte spiritualità che la caratterizza, un tratto tipico della gente di montagna. La presenza del sacro è ricorrente sia nei paesi che lungo i percorsi che portano agli abitati più piccoli, con "Vie Crucis", capitelli, edicole votive e le immagini sacre all'interno e all'esterno di case e fienili. Va sottolineato dunque che l'espressione artistica si concretizza attraverso le forme dell'arte sacra e che esiste una netta distinzione tra le chiese, dove gli affreschi e gli altari sono in gran parte opere di scuola, mentre sulle case private le decorazioni e le pitture murali sono solitamente il frutto di un artigianato locale spontaneo e popolare. Per quanto riguarda la pittura murale, nonostante le gravi perdite dovute all'incuria e al tempo, esistono in Val di Fassa almeno un centinaio di affreschi, testimonianza della vita spirituale della comunità che vanno dal secolo XIV ai tempi più recenti. Esistono dei temi ricorrenti quali la Madonna del Soccorso, molto diffusa nell'Impero dopo l'assedio di Vienna da parte dei Turchi (1683) e dell'immagine di San Cristoforo, protettore dei viandanti, posta sulle facciate delle case, a testimonianza del fatto che la Valle di Fassa rappresentava una via commerciale importante che collegava il Trentino con il nord del Tirolo (strada del vino e del sale).

Gli affreschi più antichi della valle vanno naturalmente cercati nelle prime chiese, le uniche costruzioni in muratura almeno fino al '500. Un esempio di pittura murale particolarmente antico si trova sulla parete esterna dell'abside romanica sottostante l'attuale chiesa di San Giovanni, mentre pitture medievali si trovano anche nella chiesa di Campitello, con frammenti di scuola bolognese databili intorno al 1370. Numerose opere della seconda metà del '400 sono invece conservate ancora nella chiesa di Campitello, nella cappella di San Volfango a Moena e nella chiesa di S. Giuliana dove si trovano numerosi affreschi di scuola brissinese. Nel '500 si assiste al passaggio dallo stile gotico a quello rinascimentale e di questo periodo si trovano l'affresco di una crocifissione sul muro di cinta della chiesa di S. Giuliana e l'affresco sulla parete di Casa Bolner a Moena, datato 1547.

Un caso particolare è rappresentato da Casa Soldà, presso San Giovanni dove sono conservati gli unici esempi di pittura profana. Silvestro Soldà era un soldato arricchitosi durante la guerra contro i Turchi e fece dipingere sulla sua casa una scena di guerra, un banchetto e una scena di caccia. L'affresco presenta notevoli affinità con il ciclo della parete destra della chiesa di San Giovanni, datato 1576.

Il secolo successivo è contraddistinto da una maggiore apertura degli scambi economici e culturali con l'ambiente veneto ed è in quest'epoca che l'agordino Giovanni Forcellini, pittore popolare, ha lasciato numerose testimonianze in valle, soprattutto a Campitello, Moena e Soraga. Nel '700 la Valle di Fassa si apre ad un notevole influsso artistico della vicina Val di Fiemme, dove sono attivi artisti formatisi alla scuola veneta. È in questo contesto che inizia l'esperienza artistica Valentino Rovisi di Moena che fra il 1728 e il 1750 fu allievo del Tiepolo a Venezia. Si tratta sicuramente dell'artista valligiano di maggior valore ed ha lasciato in tutta la regione numerose testimonianze. Fra le opere in valle vanno ricordati la pala d'altare della Chiesa di San Vigilio a Moena (1740 ca.) e alcuni pregevoli affreschi che adornano case ed edifici culturali come la cappella delle Grazie (1754), il capitello di Santa Giuliana a Vigo (1754), casa Sommavilla (1758) e il tabernacolo di Cernadoi a Moena.

Accanto alla pittura di carattere sacro non vanno comunque dimenticate le notevoli espressioni artistiche di pittori popolari che, soprattutto verso la fine dell'800 e l'inizio del '900, danno vita ad una notevole ripresa artistica. Sono questi gli anni in cui si afferma la tradizione decorativa e pittorica degli artisti locali che, spinti dal bisogno di garantire la sopravvivenza alle proprie famiglie, sono protagonisti di un fenomeno di emigrazione verso il paesi di area germanica e verso l'Austria in particolare, dove la loro opera di "Kirchenmaler" è particolarmente apprezzata. L'esperienza artistica di questi pittori trova dunque la sua espressione nella decorazione di chiese, capitelli ed edicole votive, di edifici e di mobili, frutto di un pregevole artigianato locale. Un altro aspetto che non va assolutamente dimenticato nel parlare dell'arte in Val di Fassa è sicuramente la lunga tradizione della scultura del legno, una tradizione che ancora oggi viene tramandata e valorizzata grazie alla Scuola d'Arte di Pozza di Fassa, dove si formano gli scultori e gli artisti locali. Particolarmente interessante è la produzione delle maschere lignee (facères in lingua ladina) tipiche della tradizione carnevalesca, senza dimenticare comunque la notevolissima produzione di sculture artistiche e dei prodotti di artigianato che ancora oggi rappresentano una delle note caratteristiche della Val di Fassa.

Testi descrittivi concessi da: Azienda per il Turismo della Val di Fassa www.fassa.com

Val di Fassa  Estate  Inverno  Storia  Arte  Cultura  Enrosadira

HOTEL E ALBERGHI
Hotel a Canazei, hotel a Campitello, hotel a Mazzin, hotel a Pozza, hotel a Vigo, hotel a Soraga, hotel a Moena.

GARNI' e AFFITTACAMERE 
Canazei, Campitello di Fassa, Mazzin, Pozza di Fassa, Vigo di Fassa, Soraga, Moena.

APPARTAMENTI e RESIDENCE
Canazei, Campitello di Fassa, Mazzin, Pozza di Fassa, Vigo di Fassa, Soraga, Moena.

RIFUGI
Val di Fassa

Dolomiti
www.fassaweb.net - © 2000 - 2020 
INSOTEC  -  Pozza di Fassa (TN) - Cookie

Attualmente ci sono  16 utenti collegati
Pagine viste ieri 56
Vacanze in estate e in inverno